Oggi

MIS, dotata ormai di 4 unità locali: la storica Rezzato, sede amministrativa, Spinadesco ed Acquanegra Cremonese legate al polo siderurgico di Cremona e Montirone, legata al polo siderurgico nel bresciano, tutte strettamente legata al mondo ferroviario.

Il viaggio di MIS prosegue nel mondo delle infrastrutture con l’obiettivo di creare una rete di servizi.

Attualmente l’aggregato totale di MIS, delle partecipate e controllate ha un valore di circa 150 milioni e fa lavorare circa 250 persone.

La trasformazione durante il quarantennio è avvenuta grazie alla lungimiranza della famiglia che ha saputo, seguendo le esigenze della clientela, anticipare le linee europee sul trasporto delle merci che puntano all’intermodalità.

Enter your keyword